Festa

TUTTI A TEATRO!

09 giugno 2018

TEATRO ROSSINI

Piazzale Lazzarini

Era il 10 giugno 1818 quando Gioachino Rossini inaugurava con la sua Gazza ladra il nuovo teatro di
Pesaro che prenderà appunto il suo nome diventando l’amato Teatro Rossini. A 200 anni esatti, sabato 9
giugno fino alle prime ore di domenica 10, a Pesaro ha luogo una vera e propria festa per il Teatro
Rossini con teatro, danza, musica e circo a ingresso gratuito dal pomeriggio a notte fonda su iniziativa del
Comune di Pesaro con l’AMAT e il Comitato Promotore delle Celebrazioni Rossiniane, con il
contributo di Regione Marche e MiBACT nell’ambito delle manifestazioni per i 150 anni dalla morte
del Maestro.

ore 16
COMPAGNIA RIBOLLE
IL CIRCO DELLE BOLLE
uno spettacolo di danza e circo, energico, vivace e colorato, dove la magia delle bolle di sapone e il loro sospeso incanto viene spinto dai tre intrattenibili protagonisti della scena, tre figure danzanti fuori dal tempo.

ore 17.30
PASSEGGIATA NEL TEATRO SEGRETO
a cura di TEATRO SKENÉ
un’occasione in cui il pubblico, immerso in una magica atmosfera, potrà scoprire il Teatro Rossini in una veste inedita, non più solo come palcoscenico e contenitore di spettacoli, ma come luogo ricco di emozioni, aneddoti e ricordi che lo renderanno spettacolo esso stesso. ( posti limitati, prenotazione obbligatoria al 339 6565106)

ore 18.30
GIORGIO CASTELLANI e LUCIA FERRATI
interventi musicali di VLADIMIR ZUBYTSKYI
STORIE DEL TEATRO ROSSINI
un racconto partecipato e carico di affetto appositamente costruito e narrato da Giorgio Castellani e Lucia Ferrati con un intervento musicale di Vladimir Zubytskyi al violoncello.

ore 20.30
GLAUCO MAURI e ROBERTO STURNO
IL CANTO DELL’USIGNOLO
Alla festa per il Teatro Rossini non poteva mancare il grande artista pesarese Glauco Mauri, maestro della scena che con Roberto Sturno, accompagnati dalle musiche composte ed eseguite in scena da Giovanni Zappalorto, offrono al pubblico Il Canto dell’Usignolo, poesie e teatro di William Shakespeare.
Lo spettacolo è un vero e proprio canto che attraverso la poesia dei brani tratti da Enrico V, Come vi piace, Riccardo II, Timone d’Atene, Giulio Cesare, I Sonetti, Re Lear, La Tempesta, dà voce alle immortali opere del drammaturgo inglese.

ore 22
EVOLUTION DANCE THEATER
LA MAGIA DELLA LUCE
Alchimia perfetta fra danza, physical theater, atletismo e tecnologia, La magia della luce di Evolution Dance Theater conta fra i suoi interpreti performer d’eccezione, danzatori dalle spiccate doti atletiche e circensi. Lo spettacolo raccoglie e reinterpreta alcune delle coreografie più sorprendenti create da Anthony Heinl, fondatore e direttore artistico del gruppo, nelle quali la luce è la vera protagonista e, fra magia e illusione, conduce lo spettatore in un sorprendente viaggio attraverso mondi immaginifici nei quali figure misteriose galleggiano, rimbalzano, scompaiono, in un susseguirsi di stimoli visivi che lasciano senza fiato. Uno spettacolo coinvolgente per i grandi come per i più piccini, e per chiunque abbia voglia di stupirsi attraverso la magia del teatro.

ore 23
IL MEGLIO DI
RIMBAMBAND
Cinque straordinari musicisti un po’ “suonati” incantano, creano, illudono, emozionano; questa è la Rimbamband, un eclettico quintetto di artisti frizzanti, folli e bizzarri (Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo e Francesco Pagliarulo) che attraverso la musica, le parole e la mimica, creano esilaranti personaggi trasmettendo un’energia travolgente fatta di note e poesia. Presentano uno show che comprende e attraversa «Il meglio di» spettacoli collaudati in anni di tournée. La musica si intreccia con gag, scherzi surreali, microscenette, parodie, citazioni cinefile e rimandi a big della comicità di tutti i tempi, come Jerry Lewis e Charlie Chaplin. Un mix di comicità
strampalata e nonsense, tra canzoni, note e rumori, uno spettacolo unico che “usa” la musica per viaggiare anche al di là di essa.

ore 24
VINICIO MARCHIONI
LA PIÙ LUNGA ORA
MEMORIA DI DINO CAMPANA. POETA, PAZZO
con MILENA MANCINI e PINO MARINO
Vinicio Marchioni, attore amato da pubblico e critica per la sua adulta capacità interpretativa e conosciuto per il ruolo del Freddo nella serie Romanzo Criminale, dà voce al poeta Dino Campana. Un poeta, un pazzo, un viaggiatore, un manesco, un intellettuale, un uomo che ha fatto mille mestieri. Canti Orfici, la sua unica composizione poetica, ha illuminato la letteratura europea del Novecento tanto che Carmelo Bene definiva Campana il suo poeta preferito. L’eccellente musicista Pino Marino accompagna interamente la messa in scena, sottolineando l’intensità di un tale flusso di coscienza e in un perfetto dialogo tra musica e parole. Uno spettacolo intimo e forte nella sua semplicità, che non vuole proporre la banale biografia dell’artista, bensì omaggiare la memoria di un personaggio tanto complesso quanto geniale. Un prezioso invito a non sottovalutare il potere della suggestione e ancor meno l’importanza dell’espressione artistica.

Info

orari 16:00

sabato 09 giugno 2018



Biglietti

Ingresso libero

Map

Mail